Perché richiedere il supporto di una specialista nell’assistenza sociosanitaria dei bambini, la puericultrice

È stato registrato un sensibile aumento di richieste di puericultrici da parte di famiglie e centri per l’infanzia, che scelgono di avvalersi di questa figura per avere un supporto professionale nell’accudimento dei bambini e per accompagnarli nel loro sviluppo psicomotorio.

La madre, nella società moderna, non ha supporti sociali che le permettano di assolvere serenamente al proprio ruolo e avere un concreto aiuto pratico nelle mansioni quotidiane: il padre è spesso lontano per impegni professionali e l’innalzamento dell’età pensionabile comporta l’assenza dei nonni, che una volta sostenevano i figli e accudivano i nipoti.

Questa lontananza acuisce la solitudine della figura genitoriale della madre, che necessita di una figura professionale in grado di abbattere questo muro e non sentirsi l’unica responsabile della cura del figlio, in particolare nella difficile fase di post partum.

Dopo le dimissioni ospedaliere dal parto, le madri spesso riscontrano difficoltà di allattamento e vivono un drastico cambiamento psicologico e ormonale che le porta ad accusare momenti di sconforto e stanchezza; per colmare questo vuoto assistenziale interviene la puericultrice, una figura professionale specializzata in grado di appoggiare la madre, in particolare nel periodo post partum.

La figura professionale della puericultrice

La puericultrice offre un servizio di assistenza sociosanitaria ed educativa ai bambini dai 0 ai 6 anni. Questa figura professionale lavora all’interno di asili nido, strutture sanitarie private, cooperative per l’assistenza minorile, centri per l’infanzia. Inoltre la puericultrice è in grado di assolvere alle richieste di assistenza domiciliare offrendo una garanzia di professionalità alle famiglie.

La puericultrice tesse una rete di relazioni professionali con il pediatra, lo psicologo e il pedagogista. Questa operatrice sanitaria ed educativa conosce i fondamenti di anatomia e fisiologia umana, neonatologia, patologia pediatrica, auxologia e pedagogia per favorire lo sviluppo psicologico, motorio e ludico del bambino.

Le attività svolte dalla puericultrice

La puericultrice favorisce l’adattamento neonatale, contribuisce al benessere materno, cura l’igiene del bambino, consente alla madre di recuperare le energie dopo il parto, redige un programma alimentare, presiede all’allattamento naturale o artificiale, cerca di portare armonia nel contesto familiare e individua tempestivamente i casi in cui il bambino ha necessità di un intervento di tipo medico e psicologico.

La puericultrice inoltre sterilizza gli strumenti per alimentare il bambino, i vestiti e la culla, dorme con il neonato, di notte porta il bambino alla madre per allattarlo e lo riaddormenta, controlla che l’ambiente in cui vive il bambino sia sicuro, rileva e corregge le anomalie relazionali nei rapporti familiari, concorre all’equilibrio psicologico del minore e promuove lo stato di salute del bambino.

Questa figura professionale mette in atto alcune strategie, come ad esempio attività didattiche e giochi, per promuovere lo sviluppo cognitivo, sociale, motorio, linguistico e relazionale del bambino e incoraggiare la sua autostima.

Perché scegliere il nostro corso

La puericultrice svolge un ruolo delicato, di fondamentale importanza per lo sviluppo del bambino; per questo i centri per l’infanzia hanno necessità di una figura altamente specializzata, non improvvisata, che abbia un’ampia preparazione e che sappia assistere professionalmente il bambino provvedendo a tutti i suoi fabbisogni psicofisici, individuando i casi in cui è necessario contattare il pediatra, mettendo in atto all’occorrenza le tecniche di primo soccorso e contribuendo alla sua crescita globale.

Se ami prenderti cura dei bambini con passione, dedizione, impegno ed entusiasmo, traduci il tuo desiderio in una professione, scegli il nostro corso di puericultrice.

La puericultrice ultima modifica: 2016-03-02T10:47:40+00:00 da Agenzia Formativa Dante Alighieri


Pin It on Pinterest

Shares
Share This