La pizza è uno dei prodotti gastronomici della cultura culinaria italiana più conosciuti al mondo ed è un simbolo del made in Italy. La pizza artigianale realizzata seguendo gli standard qualitativi e le ricette italiane è fortemente richiesta, per questo i pizzaioli italiani non riscontrano grandi difficoltà nel trovare impiego all’estero.

Viene registrato un alto consumo di pizza artigianale italiana in Europa, in particolare in Danimarca, Belgio, Norvegia, Svizzera, Olanda, Regno Unito, Irlanda e Spagna; all’estero, la pizza italiana ha subito delle contaminazioni provenienti dalle culture gastronomiche locali.

La pizza è il simbolo per eccellenza dell’Italia e i pizzaioli italiani sono molto ricercati nei mercati di lavoro esteri.

Il requisito indispensabile per svolgere questa professione all’estero è avere una conoscenza dell’inglese Pre-Intermediate (nel quadro comune europeo di riferimento equivale al livello B1), in particolare in riferimento alla capacità di comprendere e parlare la lingua inglese, vale a dire:

  • Capacità di produzione orale: parlare in modo semplice ma fluente di argomenti familiari, destreggiarsi nelle tipiche situazioni di viaggio, possedere un ampio vocabolario di base, dialogare in modo disinvolto di interessi personali, avvenimenti, ambizioni e fornire spiegazioni essenziali delle proprie affermazioni.
  • Capacità di comprensione orale: capire i punti chiave di argomenti familiari (sebbene non venga compresa ogni singola parola) e quindi essere in grado di interagire in semplici dialoghi.

Il livello B1 è un grado di conoscenza linguistica basilare facilmente raggiungibile attraverso:

  • un breve periodo di pratica linguistica con persone madrelingua
  • un corso base di inglese

Gli altri requisiti richiesti, in genere, sono l’aver maturato una esperienza specifica nel settore della produzione artigianale della pizza e il possesso di una formazione professionale nel settore della ristorazione.

È necessario inoltre redigere un Curriculum Vitae in inglese; segui i nostri consigli nella sezione news del portale della nostra agenzia per il lavoro.

Per coloro che intendono far carriera, svolgere l’attività di pizzaiolo all’estero non significa solamente preparare pizze nel laboratorio artigianale, ma anche partecipare agli eventi gastronomici locali, svolgere l’attività di docente o relatore per scuole di formazione professionale nell’ambito ristorativo, contribuendo così a divulgare la cultura gastronomica italiana.

L’azienda ospitante, in genere, offre l’alloggio e un ottimo stipendio per l’attività professionale svolta. Ai pizzaioli italiani viene richiesto di saper preparare la pizza tradizionale artigianale italiana (in particolare quella napoletana) utilizzando gli impasti classici.

Per intraprendere una carriera di successo come pizzaiolo all’estero, segui questi consigli:

  1. Punta su una solida formazione professionale.

Il nostro corso di pizzaiolo ti permette di imparare a realizzare i principali tipi di impasto, riconoscere i loro principali difetti, imparare le tecniche e i tempi di cottura, di stesura del disco, di infornatura. Potrai conoscere tutte le tipologie di farine e materie prime, le norme igienico-sanitarie per manipolare gli alimenti e imparare da zero le basi di un mestiere remunerativo.

  1. Fai pratica presso una pizzeria della tua città.

Attraverso il nostro corso di pizzaiolo, potrai fare minimo ben 240 ore di pratica in una pizzeria della tua zona. Abbiamo attivato oltre 3000 convenzioni con aziende collocate su tutto il territorio nazionale.

  1. Fai una seconda esperienza all’estero

La nostra scuola è una delle poche realtà formative che ti permette, se vuoi, di fare una seconda esperienza in una pizzeria sul territorio europeo, arricchendo così il tuo bagaglio di esperienze e il tuo Curriculum Vitae.

Al termine di questo percorso formativo, verrai seguito attivamente dalla nostra agenzia di lavoro per ben tre anni. Scegli il nostro corso di pizzaiolo: il nostro pluricampione del mondo Claudio Poli ti rivelerà tutti i segreti delle ricette per fare una pizza squisita.

Lo staff del nostro ufficio Job Placement, terminata la parte pratica del corso presso una pizzeria della tua città, se lo vorrai, provvederà a lanciare la tua carriera all’estero consentendoti di fare una seconda esperienza presso una impresa artigianale collocata sul territorio europeo.

Contattaci per avere, gratuitamente e senza alcun impegno, tutte le informazioni sul nostro corso di pizzaiolo.

La professione del pizzaiolo all’estero ultima modifica: 2016-03-07T18:00:03+00:00 da Agenzia Formativa Dante Alighieri


Pin It on Pinterest

Shares
Share This